Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso.

Italian English French German Spanish


            

HomeUtility

Cubetti o Pavè

Cubetti o san pietrini 

I cubetti o san pietrini sono un classico nelle pavimentazioni, ormai diventato "icona" e termine di paragone costante. Dapprima usato per le pavimentazioni pubbliche di piazze, strade e marciapiedi ora trova largo utilizzo anche nell'ambito privato grazie alle numerose varianti estetiche che possono scaturire dalle varie pose.
Resistentissimo in quanto monolitico, trova ulteriore impiego anche nelle pavimentazioni industriali, normalmente sollecitate a carichi gravosi e persistenti.
I cubetti o pavè possono essere disposti secondo diverse configurazioni ed alternanze di colori e sono disponibili nelle seguenti misure: 4/6 (ogni lato di lunghezza compresa tra 4 e 6 cm), 6/8, 8/12 a secondo del tipo di pietra richiesto.

Per il basalto le misure sono multiple di 5 e in casi particolari doppi.

TIPO

PESO IN OPERA

UTILIZZO

4/6 cm

Kg./mq 110 ca.

 

6/8 cm

Kg./mq 145 ca.

 

8/10 cm

Kg./mq 160 ca.

 

8/8 spessore 4/6 cm

Kg./mq 110 ca.

  

10/10 spessore 4/6 cm

Kg./mq 110 ca.

 

Lastrame Regolare o Piastrelle

Lastrame regolare o piastrelle

La piastrella in pietra rappresenta una nuova soluzione di impiego per un prodotto quale il porfido più antico dell’uomo, con l’intento di proporre nuove soluzioni abitative e soddisfare le più svariate esigenze.

Prodotte in misure standard oppure su richiesta, le piastrelle, con spessori variabili oppure perfettamente calibrate si prestano ad una facile posa sia nelle superfici interne che esterne.

Piastrelle a spacco Piano naturale - Lati tranciati (a spacco) - Lunghezza a correre

NORMALI - Spessore 2/6 cm SOTTILI 1/3 cm : le specifiche di peso si riferiscono alle piastrelle normali

LARGHEZZA

PESO

 

UTILIZZO

 

da 10 cm

Kg./mq 100 ca.

 

da 15 cm

Kg./mq 100 ca.

 

da 20 cm

Kg./mq 100 ca.

 

da 25 cm

Kg./mq 105 ca.

 

da 30 cm

Kg./mq 110 ca.

 

da 35 cm

Kg./mq 110 ca.

 

da 40 cm

Kg./mq 110 ca.

 

da 45 cm

Kg./mq 110 ca.

 

da 50 cm

Kg./mq 110 ca.

 

Su richiesta:

 

  • lunghezza fissa

  • forma quadrata

  • colore selezionato rosso/viola

 

Piastrelle segate Piano naturale- Lati segati - Lunghezza a correre

NORMALI- Spessore 2/5 cm SOTTILI 1/3 cm: le specifiche di peso si riferiscono alle piastrelle normali

LARGHEZZA

PESO

UTILIZZO

da 15/20/25 cm

Kg/mq 100 ca.

 

da 30/35 cm

Kg/mq 110 ca..

 

da 40 cm

Kg/mq 115 ca.

 

Su richiesta:

 

  • lunghezza fissa

  • forma quadrata

  • spessore 4/7 o 5/8

Lastrame Irregolare o Mosaico

Lastrame irregolare o mosaico

Particolarmente adatto per pavimenti e rivestimenti murali è costituito da lastre di pietra irregolari e di varie dimensioni. Si tratta di una tecnica pavimentale già utilizzata dagli antichi romani in grado di generare un ottimo effetto estetico.
Sempre più utilizzato ha un costo decisamente più contenuto rispetto alle tradizionali pezzature regolari.
Le lastre sono disponibili in vari spessori e variano da 1 a 6 cm a secondo dell’impiego e del tipo di pietra richiesta.

 

          

 

TIPO

SPESSORE

PESO IN OPERA

UTILIZZO

normale

 2/6 cm

Kg./mq 80 ca.

 

sottile

1/3,5 cm

Kg./mq 60 ca.

 

gigante normale

3/7 cm

Kg./mq 105 ca.

 

gigante sottile

 2/4 cm

Kg./mq 75 ca.

 

normale lati segati

 2/5 cm

Kg./mq 80 ca.

 

Binderi e Cordoli

 Binderi o Cordoli 

Rivestire muri, muretti e pareti interne con pietre grezze o blocchetti, nelle varie tonalità di colore, significa conferire loro un pregio ed una qualità estetica difficilmente eguagliabile. Particolarmente adatti nell’arredo di ambienti montani e naturali i blocchetti possono essere utilizzati come rivestimento

indistintamente sia all’interno che all’esterno delle abitazioni. Posati in costa, rappresentano una soluzione intelligente per pavimentare percorsi e rampe d’accesso ai garages. Sono prodotti a spacco forzato (rottura idraulica) e devono essere impiegati a faccia a vista.

Gli spessori variano da 4 a 12 cm e le lunghezze sono libere, a seconda del tipo di pietra richiesto.

I Cordoli, cordoni o cigli in Pietra,sono tra i materiali in pietra più diffusi in tutto il mondo per bordatura marciapiedi o delimitazioni di aree esterne. Tagliati direttamente dai blocchi di Pietra possono essere smussati e bocciardati(anti-scivolo).

GIUNTI: a spacco o segati (in base alla tipologia richiesta)

SMUSSO: si può richiedere per gli spigoli della testa

 

 

LARGHEZZA

ALTEZZA

PESO

da 5 cm

20/30 cm

Kg/ml 25 ca.

da 6 cm

20/30 cm

Kg/ml 35 ca.

da 7 cm

20/30 cm

Kg/ml 40 ca.

da 8 cm

20/30 cm

Kg/ml 45 ca.

da 9 cm

20/30 cm

Kg/ml 55 ca.

da 10 cm

20/30 cm

Kg/ml 65 ca.

da 12 cm

20/30 cm

Kg/ml 85 ca.

da 15 cm

20/30 cm

Kg/ml 120 ca.

Tipologie disponibili:

  • testa a spacco - lato a vista piano naturale

  • testa a piano naturale - lati segati in altezza per 18 cm

  • testa segata - lato a vista piano naturale

  • testa e lato a vista fiammati, altezza fissa 20 cm

  • testa segata e bocciardata - lato a vista piano naturale

 

Posa in Opera

La posa in opera del porfido è un'operazione molto importante per la buona riuscita del lavoro.


IL SOTTOFONDO. Di solito è composto da un magrone di calcestruzzo con rete elettrosaldata 20x20 cm. Può essere anche in ghiaione ben costipato e rullato. Deve seguire il più possibile le pendenze finali della pavimentazione. 
La sua superficie deve essere ripulita da polvere e da qualsiasi altra impurità che possa provocare una cattiva aderenza tra il sottofondo e la malta di allettamento. E’ inoltre opportuno bagnare bene la superficie del sottofondo (evitando però il ristagno dell’acqua) prima di stendere la malta di allettamento.

LE QUOTE. Si deve controllare se il materiale che andiamo a posare entra nello spazio sottofondo-quota del finito, compresa la sabbia o la malta di allettamento. Lo strato di allettamento medio per cubetti e piastre è cm 4/6 da aggiungere allo spessore massimo del porfido.

LA MALTA è costituita da un impasto di: sabbia lavata possibilmente di frantoio con granulometria 2/6 mm circa, esente da terra, sostanze argillose e ossidi coloranti; acqua chiara e priva di sostanze organiche, sali, minerali od ossidi in percentuali tali da provocare dannose ed antiestetiche efflorescenze; cemento tipo R 325 in ragione di Kg 250 per metro cubo di sabbia; calce idrata, in quantità di circa il 20% del peso del cemento (la calce serve per rendere più lavorabile l'impasto, per controllare e ridurre la quantità d’acqua in eccesso e per schiarire il colore della malta).
La sabbia può essere miscelata al cemento e usata per la sigillatura delle fughe. (BOIACCA)
Controllare le PENDENZE, obbligatorie anche in luoghi piani, per lo smaltimento delle acque, che di solito convergono verso l’esterno o verso tombini e caditoie.

SCHEMA DI POSA. Esempio con piastrelle spessore 5/8 cm ideali per la pavimentazione con traffico anche di mezzi pesanti.
Lo spessore della malta: per le piastrelle piano naturale deve essere minimo 2 cm, massimo 6 cm e sommando lo spessore delle lastre, possiamo determinare la quota dal piano finito alla quale deve essere sagomato lo strato di sottofondo.

 

 

SCHEMA DI POSA. Esempio con cubetti spessore 6/8 cm.
Per i cubetti lo strato di malta di allettamento deve essere di almeno 4/5 cm, che sommati allo spessore massimo del cubetto stesso, dà come risultato lo spessore che va lasciato dalla quota della pavimentazione finita al piano di sottofondo, per un lavoro eseguito a regola d’arte.

 

 

Le piastrelle con piano segato, fiammato e lucido hanno uno spessore uniforme, possono perciò essere facilmente posate con appositi collanti chimici in commercio al posto della malta di allettamento.

Lo zoccolino può essere incollato direttamente sopra l’intonaco aggiungendo aggrappanti chimici in commercio, onde evitare che con il tempo e l’umidità si stacchi.

Il materiale di porfido naturale pur provenendo dallo stesso giacimento può avere tonalità di colore differenti. Si consiglia pertanto di mescolare il prodotto per ottenere un effetto visivo omogeneo. Per pulire eventuali aloni, rimasti alla fine del lavoro, dovuti all’uso del cemento per la posa o della polvere rimasta durante la fase di lavorazione, e rendere la superficie più brillante si può utilizzare acido muriatico o prodotti similari in commercio, diluiti con acqua pulita in proporzione 1:4, quindi risciacquare abbondantemente con acqua pulita.